Tutto l'amore espresso in caffè
Tel: 0812394700- fax: 081 2397837

Il caffè della Peppina, non tutti sanno come ne è nato il testo

Abbiamo già raccontato come dietro alla canzone dello Zecchino d’Oro, ci sia un richiamo storico legato ad un celebre locale milanese dell’Ottocento, che ha contribuito a diffondere il piacere dell’italica bevanda.

Il caffè della Peppina, c’è da chiedersi come mai, allora, la “Peppina” da leggendaria figura simbolo del buon caffè, sia diventata nella canzoncina una matta pasticciona, che sperimenta improponibili ciofeche. Un intruglio in cui getta di tutto, dal formaggino alle cipolle, dal petrolio al tacchino.  La spiegazione la troviamo ancora una volta ripercorrendo i fili della Storia.

Prendere un caffè, piacevole intrattenimento dell’aristocrazia nel Settecento, utile momento di ritrovo dell’intellighenzia rivoluzionaria nell’Ottocento, diventa necessità del popolo durante  il primo conflitto mondiale. I soldati  cominciano la giornata con il caffè per acquisire l’energia necessaria alla battaglia. Finita la guerra portano a casa questa buona abitudine.

Durante la seconda guerra mondiale, le ristrettezze economiche e la scarsità di prodotti rendono difficile continuare a godere di questa bevanda ormai entrata nelle vite degli italiani. La si comincia a sostituire con una serie di surrogati, facendo essiccare i più vari alimenti, dai fagioli alla cicoria, dall’orzo alla segale, che nulla hanno a che fare con il nostro aromatico espresso…

prodotti sito aprNon meraviglia, perciò, che sia presto nata una filastrocca popolare che così recita:  “Un, due, tre | la Peppina fa il caffè | fa il caffè di cioccolata | la Peppina è malata, | è malata dall’amor | la Peppina chiama il dottor, | il dottor senza ciabatte; | qui mi duole, qui mi batte | qui mi sento una gran pena, | e il dottor: fai senza cena.”

Infatti, il surrogato, a base di fibre vegetali, portava con sé anche delle spiacevoli conseguenze, fungendo da lassativo naturale. Senza dubbio è da lì che prende spunto la canzone dello Zecchino. Al punto che: “Il caffè della Peppina/ Non si beve alla mattina/ Né col latte, né col tè/ Ma perché, perché, perché…”

Questa arguta rivisitazione dalla filastrocca alla canzoncina, la dobbiamo a Walter Valdi, artista cantautore  e attore milanese, che lavorò al testo. Valdi, infatti,  sapeva raccontare con ironia  di una Milano popolare, fatta di cortili di ringhiera e di periferia.

E se per il vostro caffè a casa volete invece provare un caffè napoletano tostato ancora a legna, così come lo facciamo noi dal 1920, e i cui chicchi provengono dai migliori paesi produttori al mondo, allora provate una delle nostre miscele. Le potete trovare tutte in vendita sul nostro sito nella sezione “acquisti on line”.

Questo è il link http://www.italmoka.com/prodotti-italmoka . Oppure ci chiamate in azienda allo 081.239.47.00 .

A questo indirizzo poi trovate la nostra pagina Facebook : https://www.facebook.c om/italmokacaffenapoli28/.

BLOG

CONTATTI

Sede: Via Tiberio, 75A 80124
Tel: 081 2394700
Tel: 081 5931664
Fax: 0815931764
Email: info@italmoka.com
WEB: www.italmoka.com

DOVE SIAMO