Tutto l'amore espresso in caffè
Tel: 0812394700- fax: 081 2397837

La storia del cappuccino

Assieme al caffè è la bevanda italiana più conosciuta al mondo . L’Italia se ne assume la paternità o quanto meno la grande divulgazione, perché sulla sua nascita esistono almeno due versioni diverse.

La storia del cappuccino ha quindi due leggende che la riguardano, entrambe però collegate. Il collegamento è un frate cappuccino. E’ lui che fa da legante comunque tra le due versioni.

Data la parola, subito viene in mente che questo latte e caffè possa essere legato ad un frate, ovviamente un monaco cappuccino di estrazione francescana e quindi dedito ad uno stile di vita fatto di privazioni e umiltà.  Ma oltre al monaco nella storia della bevanda entra anche un soldato austriaco. Vediamo un po’ cosa dicono le due versioni.

Marco da Aviano era un cappuccino che verso la fine del 1600, esattamente nel 1683, fu inviato dal Papa di allora a Vienna, in Austria, per tentare di creare una coalizione tra i paesi europei contro i Turchi che all’epoca erano in assedio alla capitale austriaca.

Fu un successo quello del cappuccino e l’Austria si liberò dei Turchi. Marco da Aviano fu poi per tanto cose dichiarato beato nel 2006. Ma tornando alla storia della nascita del cappuccino, pare che i Turchi, oltre ad abbandonare l’Europa, abbandonarono durante la fuga anche tanti sacchi di caffè. Un soldato austriaco, tale Franciszek Jerzy Kulczycki, li requisì e ne approfittò per aprire a Vienna uno dei primi bar caffetteria. La chiamò Il Fiasco Blu. E fu proprio qui che padre Marco da Aviano un giorno si recò per chiedere di rifocillarsi. Non riuscendo a bere solo il caffè chiese che gli venisse addolcito.

Fu fatto spezie e zucchero (si dice persino zabaione) e la bevanda fu chiamata Franciszek kapuziner, prendendo spunto dal colore della tonaca marrone del frate.

Fu quindi il religioso a dare lo spunto per il cappuccino , ma il barista a crearlo.

Chi di voi se ne può assumer la paternità secondo voi? Pensateci e fatecelo sapere.

Comunque sia è l’Italia ad essere responsabile della sua diffusione mondiale, l’italian style funziona sempre. prodotti sito apr

E questo grazie anche e soprattutto quando nel 1901 Luigi Brezzera invento ò la prima macchina espresso per il cappuccino.

Se vi ha fatto piacere leggere La storia del cappuccino , allora potreste esser curiosi di sapere perché il caffè fatto a Napoli è più buono.

Lo potrete sapere facendo click su questo link : http://www.italmoka.com/2017/06/06/segreto-caffe-napoletano-piu-buono.html .

E se per il vostro caffè a casa volete invece provare un caffè napoletano tostato ancora a legna, così come lo facciamo noi dal 1920, e i cui chicchi provengono dai migliori paesi produttori al mondo, allora provate una delle nostre miscele.

Le potete trovare tutte in vendita sul nostro sito nella sezione “acquisti on line”.

Questo è il link http://www.italmoka.com/prodotti-italmoka . Oppure ci chiamate in azienda allo 081.239.47.00 .

A questo indirizzo trovate la nostra pagina Facebook :  https://www.facebook.com/italmokacaffenapoli28/.

BLOG

CONTATTI

Sede: Via Tiberio, 75A 80124
Tel: 081 2394700
Tel: 081 5931664
Fax: 0815931764
Email: info@italmoka.com
WEB: www.italmoka.com

DOVE SIAMO